Attributi iconografici dei Santi
in ordine alfabetico dei simboli

(per consultare l'ordine alfabetico dei Santi clicca qui)

Vai alla lettera:  B  C  D  E  F  G  H  I  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z


  A  


abito
    - bianco con mantello nero dei domenicani:
Domenico di Guzman, Vincenzo Ferrer
    - bianco dei cistercensi: Bernardo di Clairvaux
    - bianco dell'Ordine dei benedettini: Romualdo
    - da benedettino: Egidio
    - da cacciatore: Eustachio
    - da cardinale: Carlo Borromeo, Gerolamo
    - da chierico (veste talare nera): Gaetano da Thiene, lvo
    - da diacono (dalmatica): Lorenzo, Stefano
    - da giardiniere: Mauro, Riccardo di Chichester, Vincenzo di Saragozza   
    - da monaco: Mauro
    - da pellegrino: Giacomo Maggiore, Rocco
    - da studioso: lvo
    - delle monache carmelitane: Teresa d'Avila
    - dell'Ordine carmelitano: Simone Stock
    - dell'Ordine domenicano: Tommaso d'Aquino
    - di cavaliere con un crocifisso: Eustachio
    - di foglie di palma intrecciate: Paolo Eremita
    - francescano: Elisabetta d'Ungheria, Margherita da Cortona
    - grembiule con rose: Elisabetta d'Ungheria
    - imperiale: Elena
    - nero con velo bianco: Francesca Romana
    - nero da abate: Benedetto da Norcia
    - nero dei frati agostiniani: Nicola da Tolentino
    - nero delle monache agostiniane: Monica
    - nero delle monache benedettine: Scolastica
    - papale: Gregorio Magno, Leone Magno
    - piviale da vescovo sopra saio francescano: Ludovico d'Angiò (di Tolosa) 
    - principesco: Elisabetta d'Ungheria
    - regale: Orsola
    - sacerdotale: Valentino, Francesco Saverio
    - saio dell'Ordine delle clarisse: Chiara
    - scapolare: Simone Stock
    - talare nero: Ignazio di Loyola, Gaetano da Thiene, lvo
    - vescovile: Agostino, Egidio, Erasmo, Gennaro, Nicola di Bari, Tommaso Becket, Valentino, Volfango, Zeno

acqua
    - brocca d'acqua:
Floriano di Lorch
    - sorgente d'acqua che zampilla dal suolo toccato dal suo bastone: Aredio di Limoges
    - che cammina sull'acqua o nell'acqua: Aldegonda, Bertino, Cristoforo, Fintan, Francesco di Paola, Gildas di Rhuys,
            Giacinto il domenicano, Mauro, Nazario, Sebaldo (o Sinibaldo)
(vedi anche fonte)

acquasantiera (o aspersorio):
Margherita, Marta

aghi: Benigno di Digione, Bonifacio, Quintino

agnello: Agnese, Genoveffa, Giovanni Battista, Pasquale Baylon

alabarda: Matteo apostolo, Teodoro, Tommaso 

albero
    - cavo di un grosso albero:
Bavone
    - fiorito:
Brigida d'Irlanda, Zenobio di Firenze

(vedi anche ramo)

ali:
Cristina l'Ammirabile, Gabriele, Michele, Raffaele, Tommaso d'Aquino, Vincenzo Ferrer

altare: Abele, Andrea Avellino, Aquilino di Evreux,
Brigida, Carlo Borromeo, Filippo Neri, Giovanni della Croce, Ignazio di Loyola,
            
Matilde, Melchisedech, Omobono, Tommaso Becket

alveare:
Ambrogio

ampolla (o fiala): Cosma e Damiano, Gennaro, Macario d'Alessandria, Maturino, Valburga (o Valpurga)
    - ampolle contenenti sangue: Gennaro

anatre: Niceforo di Pedena

ancora: Clemente, Nicola di Bari, Rosa da Lima, Filomena, Felice

anello: Caterina d'Alessandria, Edmondo, Giovanna di Valois, Maria Maddalena de' Pazzi, Martina, Osvaldo di Northumbria,
             Roberto di Molesme, Teodulo  

 angelo:   Ambrogio, Bonaventura da Bagnoregio, Cornelio, Cuthberto, Dalmazio Moner, Domenico, Dunstano,
                Eleuterio vescovo dell'Illirico, Erasmo (o Elmo), Faustino e Giovita, Felice di Nola, Felice di Valois, Francesca vedova,
                
Francesco d'Assisi, Genoveffa di Nanterre, Gioacchino, Giustina, Gregorio il Grande, Marziale di Limoges,
                Matteo Apostolo, Maxellendis, Nicola di Bari, Rocco, Servazio di Tongres, Severino di Colonia, Stanislao Kostka,
                Teresa d'Avila, Tobia, Tommaso d'Aquino, Ugo di Lincoln, Ulrico (o Ulderico), Vandregisilo 
    - angelo che guida una barca: Fiorenzo (fratello di Floriano) 
    - angelo che porta dei rotoli (o delle pergamene): Cirillo d'Alessandria
    - angelo che porta del pane: Elia profeta
    - angelo che riaccende la candela (o la torcia) spenta: Genoveffa 
    - angelo che porta un'ostia: Stanislao vescovo di Cracovia  
    - angelo che sposta un monte: Gregorio Taumaturgo 
    - angelo custode: Francesca Romana, Raimondo Nonnato
    - angelo Raffaele che guida il personaggio biblico: Tobia il Giovane   
 
   
- angelo serafino: Bonaventura
   
- tre angeli su un albero: Abramo 

anguilla: Isberga (o Gisella)

anima:
Cuthberto Mayne, Domenico di Silos, Narciso di Gerusalemme  


animali
    -
agnello: Agnese, Genoveffa, Giovanni Battista, Pasquale Baylon
    - anatre: Niceforo di Pedena
    - anguilla: Isberga (o Gisella)
    - api: Ambrogio, Bernardo di Clairvaux, Isidoro di Siviglia, Giovanni Crisostomo, Rita da Cascia
    - aquila: Adalberto, Bertolfo di Renty, Cuthberto, Floriano di Lorch, Giovanni della Croce, Giovanni Evangelista, Eliseo, Gisleno,
                   Medardo, Prisca, Servazio, Stanislao di Cracovia 
    - ariete:
Abramo, Daniele, Isacco  
    - asino: Antonio di Padova, Autberto, Felice di Cantalice, Francesca Romana, Francesco di Paola,
Gerlaco di Valkenburg,
                 
Germano d'Auxerre, Geroldo, Macario di Roma, Marcello papa, beato Pietro di Lussemburgo, Regolo
    - balena: Giona, Macuto (o Maclovio) di Aleth  
    - bue: Ambrogio, Blandina (di Lione), Brigida d'Irlanda, Fursa, Guido d'Anderlecht,
Luca Evangelista, Lucia, Medardo, Pelagia,
               Saturnino, Sebaldo, Silvestro, Tommaso d'Aquino

        -- bue alato: Luca
    - cammello: Afrodisio di Beziers, Giuliano di Alessandria, Macario il Grande 
        -- cammelli: Re Magi
        -- che conduce dei cammelli: Ormisda papa  

    - cane: Benigno, Bernardo, Biagio, Clemente, Genoveffa, Lazzaro, Margherita da Cortona, Pietro Canisio, Rocco, Tobia,
                 Uberto, Vito  
        -- bianco: Bernardo di Clairvaux
        -- bianco e nero con fiaccola accesa: Domenico di Guzman
        -- cane con pane in bocca: Rocco
        -- idrofobo: Donnino di Faenza
        -- o cagnolino: Barbara, Margherita da Cortona
    - cavallette: Gioele, Gregorio di Ostia
    - cavallo: Antonino di Piacenza, Donato, Eustachio, Giacomo il Maggiore, Giorgio, Giovanni Gualberto, Irene, Leone papa,
                    Longino, Martino di Tours, Maurizio, Medardo, Mercurio, Michele Arcangelo, Norberto, Paolo Apostolo, Secondo di Asti,
                    Severo, Vittorio, Uberto
        -- cavallo inginocchiato: Odrada 
        -- trascinato da un cavallo (o da due cavalli): Ippolito
    - cervo (o cerva): Aidano di Lindisfarne, Aventino, Bassiano, Brigida di Svezia, Caterina di Svezia, Corrado Confalonieri di
                    Piacenza, Felice di Valois, Genoveffa di Brabante, Goar, Ida
(o Idda) di Fischingen, Launomaro, Macario di Roma,
                    Mama di Cesarea, Massimo di Torino, Meinulfo (o Meinolfo) di Paderborn, Procopio,
Uberto di Tongeren-Maastricht    
        -- cerva ferita: Egidio, Calogero eremita
        -- cerva dispensatrice di latte: Genoveffa di Brabante
        -- con un crocifisso tra le corna: Eustachio, Uberto di Tongeren-Maastricht, Felice di Valois 
        -- cerbiatto (o cerbiatta): Calogero eremita, Enrico VI
    - cicogna: Agricola, Ciarano (o Kieran)
    - cigno:
Cutberto, Ludgero, Ugo di Grenoble, Ugo di Lincoln 
    - coccodrillo:
Pacomio, Teodoro di Amasea
    - colomba:
Agostino di Ippo, Aldegonda, Ambrogio, Basilio, Eulalia, Espedito, Fabiano, Fede di Agen, Gregorio Magno,
                       Gregorio VII, Ilario di Arles,
Laudo di Coutances, Noé, Osvaldo, Pietro d'Alcantara, Remigio,  Scolastica,
                       Severo di Ravenna, Teresa d'Avila, Tommaso d'Aquino, Zaccaria
    - corvi: Apollinare di Ravenna,
Bonifacio, Erasmo   
        -- corvo: Arnolfo di Soissons, Benedetto da Norcia, Elia profeta,
Espedito, Ida, Osvaldo, Paolo Eremita, Venerio,
                       Vincenzo di Saragozza  
        -- corvo con pane nel becco: Benedetto da Norcia

    - daino (o camoscio):
Enrico, Fruttuoso 
    - delfino:
Callistrato, Luciano di Antiochia, Martiniano, Petronilla
    -
drago: Amando di Maastricht, Audoeno di Rouen, Beato, Bertrando di Cominges, Ciriaco, Clemente di Metz, Ciro,
            Eleuterio di Spoleto
, Fiorenzo, Filippo apostolo, Giorgio, Giovanni da Capestrano, Giuliano di Le Mans, Giustina,
            Gregorio Magno, lario, Laudo di Coutances, Leone IV, Lupo di Bayeux, Lupo di Troyes, Magno, Marcello di Parigi,
            Margherita d'Antiochia, Marta, Marziale di Limoges, Michele Arcangelo, Narciso, Nicasio, Patrizio, Perpetua, Radegonda,
            Romano, Sansone di Dol, Secondo di Asti, Servazio di Tongres, Silvestro, Teodoro, Verano, Vigor di Bayeux, Vittorio,
            Vincenzo Ferrer 

        -- drago in catene: Margherita d'Antiochia
    - falcone: Agilulfo di Colonia, Bavone eremita,
Gengolfo, Ottone Frangipane, Quirino 
    - gallo: Begga, Domenico della Calzada, Landerico, Pietro, Vito
        -- gallo bianco: Vito
    - granchio (che porta un crocifisso): Francesco Saverio
    - gregge di pecore: Benedetto di Hermillon, Cutberto, Drogone (Druon), Genoveffa, Solange  
   
- gru: Agricola  
    - leone: Adriano, Agapito, Antonio abate, Daniele, Davide, Domenica Ciriaca, Eufemia di Calcedonia, Felicita di Roma, Gerolamo,
                
Gertrude di Altenberg, Ignazio d'Antiochia,
Marciana di Cesarea, Maria Egiziaca, Martina, Natalia, Onofrio eremita,
                
Pantaleone, Paolo il Semplice, Prisca, Tecla, Vito 
        -- leone alato: Marco
        -- leoni: Blandina, Domenica Ciriaca, Gennaro, Paolo il Semplice, Ignazio di Antiochia
        
-- vescovo circondato da leoni: Ignazio di Antiochia
    - leopardo:
Marciana di Cesarea    
    - lepre: Marculfo (o Marcolfo)
    - lupo: Andrea Corsini, Bernardo di Tiron, Erveo (Hervé), Francesco d'Assisi, Edmondo Martire,
Guglielmo di Montevergine
                (da Vercelli), Macuto (o Maclovio) di Aleth, Poppone, Remaclo di Stavelot, Valburga,
Vedasto (Gastone) di Arras    
    - maiale: Antonio Abate, Biagio
   
oca:  Amalberga, Farailde di Gand, Ludgero di Munster, Martino di Tours, Milburga, Vereburga
    - orso: Colombano, Corbiniano, Eligio, Gallo eremita, Geroldo, Gisleno, Martino, Niceforo di Pedena, Romedio eremita,
                Vedasto (Gastone) di Arras
        -- orsa: Riccarda  
   
- pavone: Liborio di Le Mans, Barbara
    - pecorelle: Genoveffa  
        -- gregge di pecore: Benedetto di Hermillon, Cutberto, Drogone (Druon), Genoveffa, Giovanna d'Arco, Margherita di Antiochia,
                                          Pasquale Baylon, Solange

    - pesce:  Bennone di Meissen, Clemente, Corentino di Quimper, Francesco d'Assisi, Gregorio di Tours, Raffaele arcangelo, Tobia
        -- pesci: Andrea, Zeno
        -- santo che predica ai pesci: Antonio di Padova, Francesco d'Assisi 
        -- pesce con un campanello in bocca: Paolo Aureliano di Leon  
    - ragno: Corrado di Costanza, Felice di Nola, Norberto
   
- rana: Erveo (o Hervé), Genoveffa, Regolo, Ulfo d'Amiens  
     serpente:   Amando di Maastricht, Anatolia, Celestino V, Crescentino (o Crescenziano), Fiorenzo eremita, Foca l'Ortolano,
                         Giulio d'rta, Isberga (o Gisella), Paterno di Avranches, Spiridione

        
-- calice dal quale esce un serpente: Giacomo della Marca, Giovanni Evangelista, Giovanni da San Facondo Gonzales
                           de Castrillo, Liciniano di Cartagine
        -- calice con serpentelli: Benedetto da Norcia

        -- serpente alato: Giovanni (Scalcione) da Matera
        -- serpente schiacciato dal piede: Ilda
        -- serpenti: Amabile di Rium, Cristina (di Bolsena), Cristoforo di Licia, Domenico di Sora, Eldrado di Novalesa,
                           Eufemia di Calcedonia, Giuliano (martire di Rimini), Giulio d'Orta, Ilario di Poitiers, Onorato di Arles, Patrizio,
                           Tecla di Iconio, Verdiana, Verena di Zurzach

        -- tra due serpenti sollevati: Eufemia e Tecla
    - struzzo: Barbara
    -
tartaruga: Bruno, Kateri Tekakwitha
    -  topi:  Aldetrude, Gertrude di Nivelle, Gontranno, Martino de Porres
    - toro: Blandina (di Lione),
Marciana di Cesarea, Pietro Regalado da Vallidolid, Silvestro
    - uccelli: Anna, Francesco d'Assisi, Pietro Canisio, Valerio 
 
        -- uccellini sulle spalle:
Orso di Aosta 
    - unicorno: Firmino, Giustina, Iltrude (o Hiltrude) di Liessies, Narciso di Gerusalemme 
    - vipera: Pirmino   
    - volpe: Bonifacio, Oddone di Cluny  

annaffiatoio:
Fricardo

api: Ambrogio, Bemardo di Clairvaux, Isidoro di Siviglia, Giovanni Crisostomo,
Rita da Cascia

apparizione
    - di Gesù: Agostino, Camillo de Lellis, Caterina da Siena, Coletta, Francesco d'Assisi, Ignazio di Loyola, Giovanni Evangelista,
                    
Maria Maddalena, Radegonda, Ugo di Lincoln  
    - della Vergine: Alfonso Rodriguez, Bonifacio di Losanna, Filippo Neri   
    - di un angelo con due uomini incatenati: Giovanni de Matha


aquila:
Adalberto di Praga, Bertolfo di Renty, Cuthberto, Floriano di Lorch, Giovanni della Croce, Giovanni Evangelista, Eliseo,
            Gisleno, Medardo, Prisca, Servazio, Stanislao di Cracovia 


aratro: Etchen di Clonfad, Giacomo di Tarantasia, Guido d'Anderlecht, Isidoro, Riccardo di Chichester

argano: Erasmo

ariete: Abramo, Daniele,
Isacco  

armi da fuoco: Barbara, Carlo Borromeo, Luigi (Ludovico) Bertran

armatura da soldato: Acacio, Alessandro, Gabriele, Gerlaco di Valkenburg, Giorgio, Longino, Martino di Tours, Maurizio, Michele,
                                    Pancrazio Martire, Teodoro

arnia: Ambrogio, Bernardo di Clairvaux

arpa: Cecilia, Davide, Dunstano 

ascia: Adelelmo (o Elesmo) di Burgos, Anastasio Magundat, Atanasio di Smirne, Bartolomeo, Elfego (o Elfege) di Canterbury, Enrico,
           Ermenegildo, Eudocia (o Eudossia) di Eliopoli, Giovanni Battista, Matteo, Mattia, Olav (o Olaf) di Norvegia, Tommaso Becket
(vedi anche coltello, sciabola, scure, spada)

asino: Antonio di Padova, Autberto, Felice di Cantalice, Francesca Romana, Francesco di Paola, Gerlaco di Valkenburg,
           Germano d'Auxerre,
Geroldo, Macario di Roma, Marcello papa, beato Pietro di Lussemburgo, Regolo

aspersorio (o acquasantiera): Essuperio, Evermodo di Ratzeburg, Fintan, Margherita, Marta

asta della croce con foglie verdi: Bruno

attrezzi
    - agricoli:
Pasquale Baylon
    - da falegname: Giuseppe
    - da maniscalco: Eligio
    - da orafo: Eligio
    -
medici: Cosma e Damiano
    - (strumenti) musicali: Cecilia
    - da scultore: Quattro Coronati  




  B  

balena:
Giona, Macuto (o Maclovio) di Aleth

balsamo: Maria Maddalena de' Pazzi  

bambino:
Villibrordo 
    - con conchiglia, sulla spiaggia:
Agostino
    - epilettico: Valentino
    - in braccio: Brizio
    - malato guarito dal santo: Attala, Gudula
    - bambini nelle vicinanze del santo: Biagio, Brizio di Tours, Ilario di Poitiers, Medardo, Vincenzo de' Paoli , Vincenzo Ferrer
    - per mano o neonato in braccio: Vincenzo de' Paoli
    - resuscitato: Elia, Biagio, Ilario, Mamerto, Sulpizio 
    - tre bambini in una tinozza: Nicola di Bari
(vedi anche neonato, fanciulli, ragazzi)

Bambino Gesù
    - in braccio:
Agnese di Montepulciano, Alberto degli Abati (da Trapani), Antonio da Padova, Brizio, Caterina (Vigri) da Bologna,
            Felice da Cantalice, Gaetano da Thiene, Giuseppe, Rosa da Lima, Simeone
    - seduto su un libro: Antonio da Padova
    - sulle spalle: Cristoforo di Licia 
    - che appare al santo: Anselmo, Alberto degli Abati, Francesco d'Assisi, Stanislao Kostka

bancone: Omobono

banderuola: vedi striscione 


bandiera:
vedi stendardo
 
bara: Audoeno (Ouen), Giacomo eremita, Lazzaro, Melania, Rufino, Venceslao

barba
    - bianca:
Pietro Fourier, Pietro apostolo
    - lunga e appuntita: Basilio Magno

barca: Adelaide, Antonino di Apamea, Atanasio d'Alessandria, Bertino, Fiorenzo, Giuliano l'ospitaliere, Ilario, Lazzaro, Marta, Nicola,
            Noé, Pietro, Simone Apostolo, Vincenzo di Saragozza
(vedi anche vascello)

barile:
Antonia, Bercario, Biagio, Omobono, Otmaro di San Gallo, Ruperto di Salisburgo, Villibrordo
(vedi anche tinozza)

basilico: Giovanni Abate

bastone: Aredio di Limoges, Alessio, Aronne, Cristoforo, Francesco da Paola, Giacomo Maggiore,
Mosé, Pasquale Baylon, Rocco
    - a forma di "T" con campanello: Antonio Abate
    - bordone (o bastone da pellegrino) con appesa una borraccia ricavata da una zucca: Giacomo il Maggiore, Rocco
    - fiorito: Giuseppe
    - o un fascio di verghe: Benedetto da Norcia
    - pastorale: vedi "pastorale"

bibbia: Romualdo

bicchiere spezzato:
Benedetto da Norcia
(vedi anche coppa)

bilancia: Antonino di Firenze, Chiara di Montefalco, Mauro, Michele, Pipino di Landen 

bisaccia: Giacomo Maggiore
    - bisaccia per la questua: Ignazio da Laconi 

bocca
   
- cane con pane in bocca: Rocco
    
- dito davanti alla bocca: Bruno, Giovanni Nepomuceno, Romualdo abate
    - lucchetto o morsa che ferma la bocca del santo: Raimondo Nonnato
    - pesce con un campanello in bocca: Paolo Aureliano di Leon

boccale: Giuliano di le Mans, Rufina 

bordone: vedi bastone

borraccia 
    - ricavata da una zucca, appesa al bordone:
Giacomo il Maggiore, Rocco (e in generale i santi "pellegrini")   


borsa di denaro: Elisabetta d'Ungheria, Felice di Valois, Germano d'Auxerre, Giovanni de Matha, Giovanni l'elemosiniere, Giuda,
                             Lorenzo di Roma, Matilde di Germania, Matteo, Nicola, Omobono di Cremona, Rocco

botte:
vedi barile o uva


braciere:
Eulalia


brocca: Elisabetta d'Ungheria

bue: Ambrogio, Blandina (di Lione), Brigida d'Irlanda, Fursa, Guido d'Anderlecht, Luca Evangelista, Lucia, Medardo, Pelagia,
         Saturnino, Sebaldo, Silvestro, Tommaso d'Aquino

        - bue alato: Luca



  C  
  
cadavere:
Prassede di Roma, Stanislao di Cracovia, Ugo di Lincoln  

cagnolino:
Margherita da Cortona

calamaio: Giovanni Crisostomo 

calamità: Cesario di Nazianzo, Emidio, Floriano di Lorch, Mamerto

caldaia: Afra, Cecilia, Ciriaco di Gerusalemme, Ciro, Erasmo, Giuliana di Nicomedia, Veneranda, Vito

calice: Ansberto, Barbara
, Bruno, Corrado di Costanza, Donnino, Edoardo, Egberto di Northumbria, Ewaldo il Bianco,
            Francesco Borgia,  Leone di Sens,
Macuto (o Maclovio) di Aleth, Melchisedech, Pasquale Baylon, Remberto di Brema,
            Riccardo, Roberto d'Arbrissel, Roberto di La Chaise-Dieu, Tommaso d'Aquino, Ulrico (o Ulderico) d'Augusta   

    - calice con serpentelli: Benedetto da Norcia
    - calice dal quale fa capolino Gesù Bambino: Ugo di Lincoln
    - calice dal quale esce un serpente: Giacomo della Marca, Giovanni Evangelista, Giovanni da San Facondo Gonzales
                                                                  de Castrillo, Liciniano di Cartagine


calzolaio (strumenti da calzolaio):
Aquila (e Priscilla), Crispino e Crispiniano

camicia di ferro: Domenico Loricato

cammello: Afrodisio di Beziers, Giuliano di Alessandria, Macario il Grande
    - cammelli: Re Magi 
    - che conduce dei cammelli: Ormisda papa

camoscio (o daino): Enrico, Fruttuoso

campanello: Antonio, Benedetto, Delfina di Provenza, Eusebia di Hamay, Leonardo, Paolo Aureliano di Leon, Pietro Nolasco,
                      Teodùlo
    - santo che pesca un pesce con un campanello in bocca:
Paolo Aureliano di Leon  

candela accesa:
Agata, Brigida di Svezia, Genoveffa, Germano d'Auxerre, Gudula 
    - candele: Bernardo di Tiron, Biagio
    - vedi anche cero

cane: Benigno, Bernardo, Biagio, Clemente, Genoveffa, Lazzaro, Margherita da Cortona, Pietro Canisio, Quiteria, Rocco, Tobia,
          Uberto, Vito  
    - bianco: Bernardo di Clairvaux
    - bianco e nero con fiaccola accesa: Domenico di Guzman
    - cane con pane in bocca: Rocco
    - idrofobo: Donnino di Faenza
    - o cagnolino: Barbara, Margherita da Cortona

canestro: Mosé

cannone: Barbara

capelli
    - lunghi:
Agnese, Maria Egiziaca, Maria Maddalena, Onofrio
    - lunghi e bianchi: Giovanni Maria Vianney 

cappello: Giacomo Maggiore
    - cardinalizio: Bonaventura da Bagnoregio, Francesco Borgia, Gerolamo, Niccolò Albergati, Pier Damiani, Vincenzo Ferrer 
    - copricapo nero: Vincenzo de' Paoli
    - a falde larghe: Rocco 
    - e pellegrina: Francesco Saverio

cappio al collo: Carlo Borromeo, Desiderio di Vienne Romano di Antiochia  

carboni ardenti:
Capitone, Cirilla di Cirene, Francesco d'Assisi, Ponziano, Tiburzio
(vedi anche graticola)

carro
    - carretto: 
Bavone 
    - di fuoco:
Elia profeta

catene:
Amando di Maaestricht, Balbina di Roma, Cira (e Marana), Felice di Nola, Felice di Valois, Ferreolo di Vienne,
             Germano di Parigi, Giovanni di Matha, Girolamo Emiliani, Leonardo di Limoges, Marana (e Cira), Maturino, Mederico,
             Pasquale Baylon,
Pier Damiani, Pietro Apostolo, Pietro Nolasco, Regina di Alise, Teodoro, Villibrordo 

cavallette: Gioele, Gregorio di Ostia

cavalletto
    - e pennelli:
Luca Evangelista
    - (strumento di tortura):
Agrippina, Bartolomeo, Biagio, Gervasio, Nestore, Vincenzo di Saragozza

cavallo: Antonino di Piacenza, Donato, Eustachio, Giacomo il Maggiore, Giorgio, Giovanni Gualberto, Irene, Leone papa, Longino,
              Martino di Tours, Maurizio, Medardo, Mercurio, Michele Arcangelo, Norberto, Paolo Apostolo, Secondo di Asti, Severo,
              Vittorio, Uberto
        -- cavallo inginocchiato: Odrada  
        -- trascinato da un cavallo (o da due cavalli): Ippolito

caverna: Felice di Nola, Gontranno, Paola

ceppi:
Adriano, Fabiano, Leonardo

cerbiatto: Enrico VI

cero:
Aidano di Lindisfarne, Biagio, Claudio, Donaziano, Genoveffa, Gudula, Silvano, Wivine (o Vivina) 
(vedi anche candela)

cervo (o cerva): Aidano di Lindisfarne, Aventino, Bassiano, Brigida di Svezia, Caterina di Svezia, Corrado Confalonieri di Piacenza,
            
Felice di Valois, Genoveffa di Brabante, Goar, Ida (o Idda) di Fischingen, Launomaro, Macario di Roma, Mama di Cesarea,
            Massimo di Torino, Meinulfo (o Meinolfo) di Paderborn, Procopio,
Uberto di Tongeren-Maastricht  
    - cerva ferita: Egidio
    - cerva dispensatrice di latte: Genoveffa di Brabante
    - con un crocifisso tra le corna: Eustachio, Uberto di Tongeren-Maastricht
    - cerbiatto: Enrico VI   

cesoie: vedi tenaglie


cespuglio (di spine): Benedetto, Mosé, Nicola di Flue
    - santo che si rotola nel cespuglio: Audomaro di Therouanne, Benedetto da Norcia  

cestino (con pane, frutti o pesci): Elisabetta d'Ungheria

chiavi: Alfonso Rodriguez, Benigno di Digione, Bennone di Meissen, Celestino, Ferdinando III, Genoveffa, Germano di Parigi,
            Giacomo il Maggiore, Marta, Maurilio di Angers, Notburga di Eben, Petronilla, Pietro Apostolo, Raimondo de Penafort,
            Ricario di Celles, Servazio, Uberto di Liegi, Zita 
    - mazzo di chiavi: Marta 

chiesa in miniatura: Adelaide, Begga, Bavone, Carlomagno, Eligio, Enrico, Gisleno, Ilda, Odilia, Roberto, Villibrordo, Volfango

chiodi: Beatrice di Ornacieu, Clodolfo di Metz, Erasmo, Filomeno di Ancira, Guglielmo di Norwich, Leodegario di Autun,
             Luigi IX di Francia, Pantaleone, Quintino 
    - chiodo conficcato in una mano e martello nell'altra: Beatrice di Ornacieu
    - della croce: Elena, Luigi IX di Francia 
    - alle mani: Alessandro I (papa), Felicita di Roma, Pantaleone

cicogna: Agricola, Ciarano (o Kieran)

cieco: Albino di Angers, Diego, Fara (Burgondofara), Genoveffa di Nanterre, Mectilde, Sebaldo (o Sinibaldo)

cigno: Cutberto, Ludgero, Ugo di Grenoble, Ugo di Lincoln 

ciliegie: Gerardo Tintori

cintura: Margherita d'Antiochia, Monica, Tommaso Apostolo, Tommaso d'Aquino

ciotola battesimale e indiani: Francesco Saverio

cisterna: Giuseppe il patriarca  

clessidra:
Gerolamo

coccodrillo: Pacomio, Teodoro di Amasea

cocolla bianca: Benedetto da Norcia

collana: Pelagia 

colomba: Agostino di Ippo, Aldegonda, Ambrogio, Basilio, Eulalia, Espedito, Fabiano, Fede di Agen, Gregorio Magno, Gregorio VII,
                 Ilario di Arles, Laudo di Coutances, Noé, Osvaldo, Pietro d'Alcantara, Remigio,  Scolastica, Severo di Ravenna,
                 Teresa d'Avila, Tommaso d'Aquino, Zaccaria


colonna:
Alessandro, Filippo Apostolo, Sebastiano  

coltello: Abramo, Altone, Bartolomeo, Cristina, Giacomo il Maggiore, Landerico 
(vedi anche spada

conchiglia:
Giacomo Maggiore, Rocco

contadino: vedi giardiniere 

coppa: Benedetto di Norcia, Giacomo della Marca, Giovanni Apostolo, Lupo, Odilone di Cluny

corda al collo:  Desiderio di Vienne, Carlo Borromeo, Romano di Antiochia 

corno
    - da caccia:
Cornelio, Eustachio, Rolando il Palatino, Uberto
    - di unicorno: Agata

corona:
Barbara, Batilde, Bavone, Brigida di Svezia, Caterina d'Alessandria, Caterina da Siena, Clodolfo, Clotilde, Colomba,
              Cunegonda, Davide, Edith di Wilton, Edmondo, Edoardo III il confessore, Elena, Elisabetta d'Ungheria, Enrico,
              Erik IX di Svezia, Ferdinando III, Luigi di Francia, Margherita, Matilde, Odilia, Orsola,
Regina, Sebastiano, Sigiberto III,
              Valburga  
    - del rosario: Gaetano da Thiene,  Benedetto Giuseppe Labre
    - di fiori: Elisabetta d'Ungheria, Febronia, Potentiana, Rita da Cascia, Rosa da Lima, Rosalia, Orsola,
                   Teresa di Gesù Bambino (di Lisieux), Vittoria

    - di spine: Acacio d'Armenia, Caterina de' Ricci, Caterina da Siena, beata Colomba da Rieti, Giovanni di Dio, Ida,
                      Luigi IX di Francia, Maria Maddalena de' Pazzi, Raimondo Nonnato, Rosa da Lima, Teodoro 
    - tre
corone: Angelo di Gerusalemme (o di Sicilia)
    - tre corone su un libro:
Elisabetta d'Ungheria
    - ai piedi del santo: Clodolfo di Metz, Edith di Wilton, Gisella d'Ungheria, Ilda, Luigi Gonzaga, Radegonda  a,

corone del martirio: Quattro Coronati

corvo:
Apollinare di Ravenna, Benedetto da Norcia, Elia profeta, Espedito, Ida, Osvaldo, Paolo Eremita, Venerio,
            Vincenzo di Saragozza  

    - con pane nel becco: Benedetto da Norcia
    -
corvi: Apollinare, Bonifacio, Erasmo

cranio: vedi teschio

croce (o crocifisso):
Acacio, Antonio da Padova, Benedetto Giuseppe Labre, Bernardo, Bertolfo, Bonaventura da Bagnoregio,
            Brigida di Svezia, Bruno,
Camillo de Lellis, Caterina da Siena, Caterina de' Ricci, Chiara, Colomba, Donnino, Elena,
            Eustachio,
Filippo, Francesco Saverio, Francesco da Paola, Gerolamo, Giovanna di Valois, Giovanni Berchmanns,
            Giovanni di Dio, Giovanni Gualberto, Giovanni Nepomuceno, Girolamo, Lorenzo di Roma,
Marcella, Margherita d'Antiochia,
            Margherita da Cortona, Maria Egiziaca, Maria Maddalena, Marziale di Limoges, Monica, Nicola da Tolentino,
Olimpia, Patrizio,
            Pier Damiani, Pio V, Radegonda,
Rosalia, Scolastica, Teodoro, Vito
    - abbaziale: Mauro
    - astile: Giovanni Battista
    - a X: Andrea
    - di Lorena: Giovanna d'Arco
    - croce rossa e azzurra sul petto, su abito bianco e cappa e cappuccio neri: Giovanni de Matha
    - rovesciata: Pietro Apostolo
    - granchio con croce: Francesco Saverio

crocifissi (rappresentati crocifissi):
Apollonio, Agricola, Alessandro, Adriano, Andrea, Bartolomeo, Benedetta, Calliope, Eulalia,
            Felice, Fausto, Febronia, Filippo Apostolo, Gugliemo, Giulia, Gennaro, Mauro, Pietro Apostolo, Pietro,
            Simeone vescovo di Gerusalemme, Sisto papa, Teodoro, Teodulo, Timoteo, Ugo, Venanzio, Vitale, Zotico

cuffia (o berretto): Abdon e Sennen

cuore:
Chiara di Montefalco, Francesco di Sales, Geltrude, Giovanna Francesca de Chantal, Giovanni di Dio, Ignazio di Antiochia,
            Leandro di Siviglia, Macario d'Armenia, Matilde, Maria Maddalena de' Pazzi, Opportuna, Teresa d'Avila, Veronica Giuliani,
            Vitale
    - alato:
Gaetano da Thiene
    - dal quale cresce una croce: Brigida di Svezia
    - infiammato: Antonio da Padova, Francesco di Sales, Francesco Saverio
    - infiammato o trafitto da frecce: Agostino
    - trapassato da spine: Ignazio di Loyola  



  D  

daino (o camoscio): Enrico, Fruttuoso 

dalmatica:
Lorenzo, Stefano, Vincenzo
di Saragozza (e, in generale, tutti i diaconi)

decapitazione: Anastasio Magundat 

delfino: Callistrato, Luciano di Antiochia, Martiniano, Petronilla

 demonio: 
Antonio Abate, Angela di Foligno, Bernardo di Aosta (di Mentone), Bernardo di Chiaravalle, Celestino V, Dionigi di Rjikel,
                  Dunstano, Eufrasia di Nicomedia, Genoveffa di Nanterre, Giuliana di Nicomedia, Gudula, Giovanni da San Facondo,
                  Madelberta, Martino, Norberto,
Patrizio, Procopio di Sazava, Romualdo, Stefano di Chatillon, Volfango
    - che cerca di spegnere la lanterna: Gudula
    - incatenato: Bernardo di Chiaravalle

denaro: vedi borsa di denaro

denti estratti: Apollonia

diavolo:
vedi demonio

dito
    - davanti alla bocca:
Bruno, Giovanni Nepomuceno, Romualdo abate
    - ferito: Aniano vescovo d'Alessandria d'Egitto 

drago:
Amando di Maastricht, Audoeno di Rouen, Beato, Bertrando di Cominges, Ciriaco, Clemente di Metz, Ciro,
            Eleuterio di Spoleto, Fiorenzo, Filippo apostolo, Giorgio, Giovanni da Capestrano, Giuliano di Le Mans, Giustina,
            Gregorio Magno, Ilario, Laudo di Coutances, Leone IV, Longino, Lupo di Bayeux, Lupo di Troyes, Magno, Marcello di Parigi,
            Margherita d'Antiochia, Marta, Marziale di Limoges, Michele Arcangelo, Narciso, Nicasio, Patrizio, Perpetua, Radegonda,
            Romano, Sansone di Dol, Secondo di Asti, Servazio di Tongres, Silvestro, Teodoro, Verano, Vigor di Bayeux, Vittorio,
            Vincenzo Ferrer  
    - drago in catene: Margherita d'Antiochia 

drappo:
vedi stendardo



  E  
 
elemosina:
Antonino, Adelaide, Elisabetta d'Ungheria, Genoveffa, Giovanni l'Elemosiniere, Girolamo Emiliani, Lorenzo, Martino,
                    Nicola, Omobono, Rocco

elmo (ai piedi): Espedito



  F  

falce: Valstano di Bawbirgh

falcetto: Notburga di Eben 

falcone:
Agilulfo di Colonia, Bavone eremita, Gengolfo, Ottone Frangipane, Quirino 


fanciulli: Filippo Neri, Giovanni Battista de La Salle,
    - tre fanciulle: Nicola di Bari

(vedi anche neonato e bambino)

fascia bianca che scende dal collo: Pietro Fourier

fazzoletto: Alfonso Rodriguez

ferita
    - nella testa:
Pietro Martire
    - sulla coscia: Rocco
    - sulla fronte: Rita da Cascia

fiaccola: Girolamo,
Renato, Teodoro  

fiale (o ampolle): Cosma e Damiano, Gennaro, Macario d'Alessandria, Maturino, Valburga
    - ampolle contenenti sangue: Gennaro
    - fiala d'olio: Remigio di Reims 
(vedi anche strumenti medici)

fiamma:
Simone Stock
    - in mano: Vincenzo Ferrer
    - dell'Inferno o del Purgatorio: Coletta Boylet, Margherita di Scozia, Nicola da Tolentino, Odilone di Cluny, Patrizio, Simone Stock
(vedi anche fiaccola, fuoco, inferno)

fico:
Rita da Cascia

fiori: Caterina da Siena, Domenico, Dorotea, Elisabetta d'Ungheria, Filomena, Giacinto, Narciso di Gerusalemme,
         Nicola da Tolentino, Teresa delle Ande
    - albero fiorito: Zenobio di Firenze
(vedi anche giglio e rosa)

flagello: Ambrogio, Bonifacio, Colombano, Eleuterio, Gregorio Magno, Leocadia di Toledo, Marcellino papa, Paola Romana,
               Pietro d'Alcantara, Romualdo, Teodoro  

foglie:
Prassede di Roma

fonte (o sorgente zampillante):
Batilde, Bonifacio, Floro, Fursa (o Furseo), Gerlaco di Valkenburg, Giudoco, Giuliano di Le Mans,
                                                     Gualtiero, Gummaro, Isidoro, Landelino, Landoaldo, Quintino, Villibrordo 

fonte battesimale: Patrizio, Silvestro

forbici: Omobono

forca: vedi patibolo

fornace: Austreberta,  Eleuterio, Francesco da Paola, Gennaro, Marino, Paolo di Verdun, Vittore il Moro  
    - a forma di toro:
Eustachio

frecce: Canuto IV di Danimarca, Cristina, Cristoforo di Licia, Edmondo martire, Egidio,
Gunardo (o Goardo) di Nantes, Irene,
             Ottone di Bamberga, Sebastiano, Simeone di Siracusa, Tommaso apostolo, Vittoria 
    - freccia: Agilulfo di Colonia, Filomena, Orsola, Teresa d'Avila
    - faretra di frecce: Edmondo martire  

frutti
    -
ciliegie: Gerardo Tintori    
    -
fichi: Rita da Cascia 
    - mela: Ermanno Giuseppe di Colonia, Saba Archimandrita 

    - melograno: Salvatore da Horta
    - melograno (sormontato da una croce):
Giovanni di Dio
   
- uva (vigna, tinozza): Bonifacio, Grato di Aosta, Massimo di Nola, Mitrio (o Mitria), Morando, Teodulo di Sion,
                                          Vincenzo di Saragozza 


fucina: Dunstano, Elia, Ottone

fulmine: Ansgario (o Oscar), Barbara, Caterina d'Alessandria, Donato, Eurosia di Jaca, Irene (Erina) da Lecce, Norberto,
               Oscar (o Ansgario), Stefano I papa 


fuoco: Agnese, Riccarda
    -
carro di fuoco: Elia profeta
    - cuore di fuoco: Agostino di Ippo
    - fiamma: Simone Stock
    - fiamma in mano: Vincenzo Ferrer
    - globo di fuoco:
Malachia, Adalberto, Francesco di Sales, Germano di Capua, Martino di Tours
    - rogo: Apollonia, Policarpo 
    - sotto i piedi: Agapito

fuso:
Anna, Genoveffa, Gertrude, Solangia 



  G  

gallo: Begga, Domenico della Calzada, Landerico, Pietro, Vito
    - bianco: Vito  

Gesù:
vedi apparizione

 giardiniere (abito o attrezzi):  Fiacrio, Isidoro Agricoltore, Mauro, Riccardo di Chichester, Vincenzo di Saragozza
(vedi anche rastrello, roncola, vanga)  
 
  
giardino: Adalardo di Corbie, beato Giovannangelo Porro, Fiacrio, Maurilio di Angers, Salvatore da Horta

gigante:
Cristoforo di Licia

gigli di Francia: Ludovico d'Angiò (di Tolosa), Luigi di Francia

giglio:
Alberto di Sicilia, Antonio da Padova, Casimiro, Cassiano, Caterina da Siena, Caterina di Svezia, Chiara,
            Domenico di Guzman, Eufemia,
Filippo Neri, Francesco d'Assisi, Francesco Saverio, Gabriele, Gaetano da Thiene,
            Genoveffa, Gertrude di Nivelles, Giovanni della Croce, Giovanni di Dio, Giuseppe sposo di Maria,
Luigi Gonzaga,
            Maria Vergine, Nicola da Tolentino, Norberto, Rosa da Lima, Simone Stock, Tommaso d'Aquino

giovane di età: Giovanni Berchmans, Pancrazio Martire, Tarcisio

globo
    -
globo di fuoco: Malachia, Adalberto, Francesco di Sales, Germano di Capua, Giovanni della Croce, Martino di Tours, Tecla, Vito
    
- globo terracqueo sotto i piedi: Bruno

guerriero: Adriano, Giorgio, Martino, Maurizio, Michele arcangelo, Severino, Vittorio 
(vedi anche armatura da soldato)

granchio (che porta un crocifisso): Francesco Saverio

grano (spighe di grano):
Daniele, Fara
    - mietitura: Siardo  

grappolo: vedi uva   


graticola:
Blandina, Brizio di Tours, Donatilla e Seconda, Crescenzia, Fede di Agen, Giulietta, Lorenzo Macedonio,
                 Vincenzo
di Saragozza
(vedi anche carboni ardenti)

gregge: Benedetto di Hermillon, Cutberto, Drogone (Druon), Genoveffa, Solange

grembiule con rose:
Elisabetta d'Ungheria

gru: Agricola

gruccia: Bardone di Magonza, Lamberto di Maastricht, Mauro



  I  

icona della Beata Vergine di San Luca: Niccolò Albergati

idoli (ai piedi):
Alessandro di Bergamo, Babila, Cristina, Eulalia, Filippo, Giuliano di Le Mans, Irene, Marcello, Marino, Martina,
                         Oronzo di Lecce, Possidonio (o Possidio), Prisca, Sabino di Spoleto, Simone apostolo, Susanna di Roma, Timoteo,

                         Villibrordo, Vittore di Marsiglia


IHS (trigramma di Cristo): Bernardino da Siena, Brigida di Svezia, Ignazio di Loyola, Luigi Gonzaga, Stefano, Teresa d'Avila

incendio:
Floriano di Lorch, Mamerto

incenso: vedi turibolo

incudine:
Adriano, Baldomero (o Waldimer), Elia 

indemoniati: Maturino, Ugo di Lincoln 

inferno (fiamme dell'Inferno o del Purgatorio): Coletta Boylet, Margherita di Scozia, Nicola da Tolentino, Odilone di Cluny, Patrizio,
                                                                               Simone Stock
interiora: Federico di Utrecht



  L  

lacrime agli occhi: Giusto di Lione, Maria Maddalena, Pietro apostolo, Ugo di Grenoble  

lampada:
Chiara, Lucia,
Prassede di Roma 
    - lampada sul capo: Antelmo di Chignin

lancia: Adalberto di Praga, Barnaba, Donaziano, Floriano, Giorgio, Lamberto di Maastricht,  Longino, Margherita di Savoia, Matteo,
            Maurizio, Mercurio di Cesarea di Cappadocia, Michele Arcangelo, Pietro di Castelnau, Tommaso apostolo 
    - due lance incrociate: Benigno di Digione   

lanterna: Genoveffa, Gudula, Macario d'Alessandria, Manechilde, beata Maria Toribia (Maria de la Cabeza), profeta Sofonia, Ugo

lapidazione: Emerenziana, Filippo apostolo, Onesimo, Stefano, Timoteo 

latte (che sgorga dal seno della Vergine e lambisce le labbra del santo): Bernardo, Caterina de' Ricci  

lava:
Agata

legni acuminati: Beniamino diacono e martire

leopardo:
Marciana di Cesarea  

leone:
Adriano, Agapito, Antonio abate, Daniele, Davide, Domenica Ciriaca, Eufemia di Calcedonia, Gerolamo,
           Gertrude di Altenberg, Ignazio d'Antiochia, Marciana di Cesarea, Maria Egiziaca, Martina, Natalia,
Onofrio eremita,
           Pantaleone, Paolo il Semplice, Prisca, Tecla, Vito

    - alato:
Marco
    - leoni: Blandina, Domenica Ciriaca, Gennaro, Paolo il Semplice, Ignazio di Antiochia
    - vescovo circondato da leoni: Ignazio di Antiochia   

lepre: Marculfo (o Marcolfo)

lettera: Alessio, Gelasio  

libro: Agata, Agostino d'Ippo, Andrea, Anna, Antonio da Padova, Atanasio, Bartolomeo, Basilio,
Benedetto da Norcia,
          Benedetto Giuseppe Labre, Bernardo di Clairvaux, Bonaventura da Bagnoregio,  Bonifacio, Brigida di Svezia, Camillo de Lellis,
          Caterina da Siena, Cecilia, Filippo, Gerolamo, Giacomo Maggiore, Giacomo Minore, Giovanni Crisostomo,
          Giovanni Evangelista, Gregorio Magno, Gregorio Nazianzieno, Ignazio di Loyola, Isidoro di Siviglia, Ivo, Leonardo, Lorenzo,
          Luca, Marco, Matteo, Nicola di Bari, Paolo, Pietro, Teresa d'Avila, Stefano, Vincenzo Ferrer
    - e penna: Alberto Magno
    - della Regola: Monica, Nicola da Tolentino, Scolastica, Chiara

lingua (strappata o tagliata): Cristina, Eusebio di Roma, Placido, Quirino, Romano di Antiochia   

liocorno: vedi unicorno 

lira: Cecilia

lorica:
Domenico Loricato

lucchetto: Giovanni Nepomuceno 
    - lucchetto o morsa che ferma la bocca del santo: Raimondo Nonnato

luna (ai piedi): Maria Vergine

lupo:
Andrea Corsini, Bernardo di Tiron, Erveo (Hervé), Francesco d'Assisi, Edmondo Martire, Guglielmo di Montevergine
          (da Vercelli), Macuto (o Maclovio) di Aleth, Poppone, Remaclo di Stavelot, Valburga,
Vedasto (Gastone) di Arras 



  M  

macina da mulino:
Cristina, Floriano, Luciano di Antiochia, Vincenzo
di Saragozza, Vittore di Marsiglia
    - macina al collo: Quirino vescovo

maiale:
Antonio Abate, Biagio

malati: Agnese di Montepulciano, Gallicano, Genoveffa di Nanterre, Sansone prete
    - appestati: Rocco  


mani
   
- chiodo conficcato in una mano e martello nell'altra: Beatrice di Ornacieu
    - chiodi nelle mani: Alessandro I (papa), Felicita di Roma, Pantaleone
    - cintura in mano: Tommaso
    - croce in mano: Giovanni Battista
    - fiamma in mano: Vincenzo Ferrer      
    - mani mozzate: Mario, Marta, Abaco e Audiface

mannaia conficcata in testa: Pietro Martire

mantello: Francesco da Paola
    - d'ermellino:
Carlomagno
   
- fanciulle o suore sotto il suo mantello: Orsola
    - mantello sollevato verso i raggi del sole: Fiorenzo di Strasburgo  
    - spada e mantello Martino di Tours

mare: Faustino e Giovita, Francesco da Paola

Maria Vergine: vedi apparizione 


martello: Beatrice di Ornacieu, Eligio 

maschera (da commedia) ai piedi: Pelagia

mazza: Apollinare di Ravenna, Desiderio di Vienne, Ewaldo il Bianco, Fedele da Sigmaringen, Giacomo il Minore, Giuda Taddeo,
             Nicomede di Roma, Telesforo papa    

mazzo di chiavi: Marta
(vedi anche chiavi)

medaglia: Genoveffa di Nanterre (o di Parigi) 
    - medaglie:
Ciriaco di Gerusalemme 

medicine: Sansone prete

mela: Ermanno Giuseppe di Colonia, Saba Archimandrita 

melograno: Salvatore da Horta
    - melograno (sormontato da una croce):
Giovanni di Dio
 

mestoli: Marta

mezzaluna: Giacomo il Maggiore, Giuliana di Cornillon (di Liegi), Lorenzo da Brindisi, Placido, Roselina di Villeneuve,
                    Stanislao di Cracovia, Villibrordo


mietitura: Siardo

mitria: Bonaventura
da Bagnoregio, Bruno, Nicola di Bari, Tommaso Becket, Volfango, Zeno

mitria ai piedi: Bernardo di Clairvaux, Giuseppe Calasanzio 

modello di chiesa:
Begga, Eligio, Gisleno, Ilda, Odilia, Volfango

monete: vedi borsa di denaro

monte (spostato da un angelo):
Gregorio Taumaturgo
 
monogramma IHS: vedi trigramma

motto
    - "Cras" e/o "Hodie":
Espedito di Melitene
    - "Deus Caritas Est":
Vincenzo de' Paoli
    - "Ecce Agnus Dei":
Giovanni Battista
    - "Humilitas":
Carlo Borromeo

    - "Libertas": Marino
    - "Omnia ad maiorem dei gloriam": Ignazio di Loyola 
(vedi anche striscione)

mulino: Cristina, Floriano, Vittore di Marsiglia
(vedi anche macina da mulino)



  N  

nave: Giuda apostolo, Nicola di Bari

neonato: Genoveffa di Brabante, Vincenzo de' Paoli
 
note musicali: Gregorio Magno



  O  
    
 oca:  Amalberga, Farailde di Gand, Ludgero di Munster, Martino di Tours, Milburga, Vereburga

occhi
    - a lato del santo :
Chiaro di Nantes 
    - da non vedente (o chiusi):
beata Margherita da Città di Castello, Odilia (Ottilia) di Hohenbourg
    - in un reliquiario: Roselina di Villeneuve
    - lacrime dagli occhi: Giusto di Lione, Maria Maddalena, Pietro apostolo,
Ugo di Grenoble    
    - su un piatto: Lucia
    - strappati o rimossi: Chiaro di Nantes,
Leodegario di Autun, Leone III, Odilia (Ottilia) di Hohenbourg
 
olio
    - bollente (recipiente di):
Giovanni Evangelista 
    - fiala d'olio: Remigio di Reims  

orso: Colombano, Corbiniano, Eligio, Gallo eremita, Geroldo, Gisleno, Martino, Niceforo di Pedena, Romedio eremita,
          Vedasto (Gastone) di Arras 

    - orsa: Riccarda  

ospedale:
Caterina da Siena, Elisabetta d'Ungheria, Giovanni di Dio, Rocco, Rosa da Lima, Vincenzo de' Paoli 


ostensorio:
Alfonso Maria de' Liguori, Antonio da Padova, Bonaventura da Bagnoregio, Caterina di Svezia, Chiara di Assisi,
                    Domenico di Guzman, Emiliano di Nantes, Francesco Borgia, Francesco Caracciolo, Giacinto (Jacko) Odrovaz,
                    Giuliana di Cornillon, Guglielmo di Bourges, Lanfranco di Canterbury, Michele dei Santi, Norberto di Magdeburgo,
                    Pascasio Radberto,
Pasquale Baylon, Raimondo Nonnato, Tommaso d'Aquino, Zeffirino e alcumi martiri di Gorcum

ostia:
Bernardo di Clairvaux,
Colomba da Rieti, Giuliana Falconieri, Luciano di Antiochia, Onorato di Amiens, Siro di Pavia,
           Telesforo papa   



  P  
    
pala da panettiere:
Onorato di Amiens

palma:
Angelo di Gerusalemme (o di Sicilia), Caterina d'Alessandria, Giustino, Pancrazio Martire, Tommaso Moro, Orsola

pane:
Antonio da Padova, Elisabetta d'Ungheria, Filippo, Francesca Romana, Genoveffa,
Onorato di Amiens, Rocco
    - cane con pane in bocca: Rocco
    - corvo con pane nel becco:
Benedetto da Norcia
    - grande cesta di pane: Siardo
    - moltiplicazione dei pani:
Arnolfo di Soissons 
    - pane offerto: Melchisedech 
    - pane portato da un angelo: Elia
    -
pani:
Nicola di Bari, Onorato di Amiens
    - tre pani: Maria Egiziaca 

passione (strumenti della Passione): Beatrice di Ornacieu, Bernardo, Giovanni della Coce, Giovanni di Dio,

                                                               Maria Maddalena de' Pazzi


pastorale:
Alfonso Maria de' Liguori, Ambrogio, Francesco di Sales, Guglielmo di Montevergine, Livino (o Lebuino),
                  Marculfo (o Marcolfo), Nicola di Bari, Patrizio, Romualdo, Tommaso Becket,
Uberto di Tongeren-Maastricht, Valentino,
                  Vereburga, Villibrordo, Volfango, Zeno
    - abbaziale:
Benedetto da Norcia, Bernardo di Clairvaux, Ilda
    - con croce: Cirillo e Metodio
    - da badessa: Chiara, Ilda
    - e staffile: Ambrogio

pastori: Drogone, Genoveffa, Germana Cousin, Gaudenzio, Gioacchino, Malco, Regina di Alise

patibolo: Amando, Corbiniano, Giuseppe da Leonessa, Pietro Armengol, Vittorino di Amiterno, Vulfranno di Sens
(vedi anche: corda al collo)  

pavone: Barbara, Liborio di Le Mans    

pecorelle: Genoveffa
    - gregge di pecore: Benedetto di Hermillon, Cutberto, Drogone (Druon), Genoveffa, Giovanna d'Arco, Margherita di Antiochia,
                                     Pasquale Baylon, Solange


pelle
    - scorticata:
Bartolomeo,
Basilio di Costantinopoli, Eusebio, Pelagio di Cordova, Trofimo
    - nera: Martino de Porres
    - schiavo di pelle nera incatenato ad un altro schiavo di pelle bianca: Giovanni de Matha
    - pelle di animale come vestito: Giovanni Battista

pellegrina: Francesco Saverio, Giacomo Maggiore


penna (o piuma): Ambrogio, Anselmo d'Aosta,
Bernardo di Clairvaux, Gerolamo, Giovanni Crisostomo, Giovanni Evangelista,
                              Isidoro di Siviglia, Leandro di Siviglia, Tommaso d'Aquino

    - e calamaio: Brigida di Svezia

penne di pavone:
Barbara

penzolante (santo legato per le mani o per i piedi): Astère, Marciano, Saba, Stefania, Zoe

pesce:
Bennone di Meissen, Clemente, Corentino di Quimper, Francesco d'Assisi, Gregorio di Tours, Raffaele arcangelo, Tobia
    - pesce con un campanello in bocca: Paolo Aureliano di Leon  
    - pesci: Andrea, Zeno 
    - santo che predica ai pesci: Antonio di Padova, Francesco d'Assisi 
 
pettine da cardare:
Biagio

piaga
    - in fronte:
Rita da Cascia
    - sulla coscia:
Rocco
    - piaghe: Giobbe

pietra
    - pietra da costruzione: Tommaso
    - pietra usata come cuscino: Bavone 
    - pietre: Stefano, Barnaba, Geremia, Timoteo
    - grosse pietre: vedi macina 

pisside: Barbara

piuma: vedi penna

piviale da vescovo sopra saio francescano:
Ludovico d'Angiò (di Tolosa)  

pozzo: Genoveffa di Nanterre, Zita 

principe inginocchiato: Antelmo di Chignin

pugnale
    - nel cuore:
Giustina
    - nel petto: Pietro Martire
(vedi anche coltello

pulpito: Albino di Angers,
Bardone di Magonza, Bernardino da Siena, Ivo (o Yves) di Chartres, Materno, Pietro apostolo, Paolo,
              Ruperto di Bingen, Stefano di Chatillon  



  R  
  
ragazzo:
Raffaele

raggi: vedi sole

ragno: Corrado di Costanza, Felice di Nola, Norberto

ramo: Cristoforo, Odrada, Prassede di Roma  
    - d'acacia:
Acacio
    - di palma: santi martiri
    - d'olivo: Zaccaria

rana: Erveo (o Hervé), Genoveffa, Regolo, Ulfo d'Amiens  

rastrello: Fiacrio
(vedi anche giardiniere, roncola, vanga)

reliquiario: Gregorio di Tours, Longino, Margherita d'Oingt, Mummolo di Fleury, Venceslao,

remo: Adalberto
    - remi (percossi a colpi di remi): Liberato e compagni

rete
    - rete da pesca:
Andrea, Pietro  
    - imprigionata in una rete ed esposta alla furia di un toro: Blandina di Lione   

rogo: Agnese, Agapito, Anastasia, Apollonia, Colomba di Sens, Enrico, Eufemia, Fruttuoso di Tarragona, Getulio, Giuliana, Lucia,
          Marino, Nemesio di Alesandria, Niceta il Goto, Pietro Igneo, Policarpo, Sostene di Calcedonia, Tecla, Teodoro, Trifone 

roncola: Vincenzo
di Saragozza
(vedi anche giardiniere, rastrello, vanga)
 

rosa: Anselmo, Elisabetta d'Ungheria, Elisabetta di Portogallo, Giuseppe, Orsola, Rita da Cascia, Rosa da Lima, Rosa da Viterbo,
          Rosalia, Roselina di Villeneuve, Vittoria
    - rose intorno ad un crocifisso:
Teresa di Lisieux

rosario: Alfonso Maria de' Liguori, Alfonso Rodriguez, Antonio Abate, Arsenio, Bonaventura, Domenico,
Camillo de Lellis,
              Caterina da Siena, Efrem, Eufrasia, Eustochio, Filippo Neri, Gaetano da Thiene, Giovanni Damasceno, Ilarione,
              Macario il Grande, Malco, Mellito di Canterbury, Pacomio, Pio V, Silvia, Sincletica, Taisia (o Taide)    

rotolo: Gabriele,
Girolamo, Ivo, Paolo Apostolo

ruota (irta di punte):
Caterina, Aniceto 



  S  

sacchetto di monete:
vedi borsa di denaro

sacco:
Ivo, Teobaldo Roggeri  

saio dell'Ordine delle clarisse:
Chiara

sale o saliera: Ruperto di Salisburgo  

sassi: vedi pietre


scala:
Alessio, Emmerano di Ratisbona, Giacobbe, Giovanni Climaco, Perpetua, Romualdo
    - coricato sotto una scala: Alessio
    - con schiere di fanciulle: Angela Merici

scalpello: Marino

scapolare:
Pietro Nolasco, Simone Stock

scarpa: Guntero, Edvige 

scettro e corona: Ludovico d'Angiò (di Tolosa), Luigi di Francia

sciabola: Eulogio di Cordoba, Pietro da Verona, Teodardo d'Utrecht 

scopa: Batilde, Gisella, Giudicaele (Judicaël), Petronilla, Teobaldo Roggeri 

scorticato (supplizio): Bartolomeo, Basilio di Costantinopoli, Eusebio, Pelagio di Cordova, Trofimo

scudo:
Adriano, Floriano, Giorgio, Longino, Maurizio, Michele, Teodoro
    - scudo triangolare con una croce: Michele


scure:
Bonifacio, Crispina, Giustino martire, Tommaso Apostolo, Tommaso Moro, Volfango

secchia d'acqua:
Floriano

secchiello:
Prassede di Roma  

sedia di tortura: Attalo (martire di Lione), Quintino 

sega: Fausta, Giacomo il Giusto, Giuda, Giuseppe, Simone

seni recisi:
Agata

sepolcro: Caterina d'Alessandria, Clotilde, Edvige, Lazzaro, Valeriano 

serafino (angelo serafino): Bonaventura  

 serpente:   Amando di Maastricht, Anatolia, Celestino V, Crescentino (o Crescenziano), Fiorenzo eremita, Foca l'Ortolano,
                  
Giulio d'Orta, Isberga (o Gisella), Paterno di Avranches, Spiridione 
    - calice dal quale esce un serpente: Giacomo della Marca, Giovanni Evangelista, Giovanni da San Facondo Gonzales
                                                                 de Castrillo, Liciniano di Cartagine

    - calice con serpentelli: Benedetto da Norcia
    - serpente alato: Giovanni (Scalcione) da Matera
    - serpente schiacciato dal piede: Ilda
    - serpenti: Amabile di Rium, Cristina (di Bolsena), Cristoforo di Licia, Domenico di Sora, Eldrado di Novalesa,
                      Eufemia di Calcedonia, Giuliano (martire di Rimini), Giulio d'Orta, Ilario di Poitiers, Onorato di Arles, Patrizio,
                      Tecla di Iconio, Verdiana, Verena di Zurzach 

    -- tra due serpenti sollevati: Eufemia e Tecla  

setaccio (rotto): Benedetto da Norcia

soldato con lancia e bandiera: Floriano

sole
    - con la scritta IHS:
Bernardino di Siena
    - mantello sollevato verso i raggi del sole:
Fiorenzo di Strasburgo
    - raggi (che scendono dal cielo): Severino 
    - sul petto: Tommaso d'Aquino, Colombano, Enrico Suso (Susone) 

sogno: Giacobbe, i profeti Daniele, Ezechiele, Jeremia, Niccolò Albergati, Zaccaria, Brigida, Eligio, Francesco d'Assisi

sorgente zampillante
: vedi fonte


spada: Acacio, Antonino di Apamea, Apollinare di Ravenna, Bavone, Bonifacio, Caterina di Alessandria, Cornelio,
            Engelberto di Colonia, Felicita, Geroldo di Colonia, Giacomo Maggiore, Giovanni Battista, Giuda apostolo,
            Giuliana di Nicomedia, Marcello, Marino di Cesarea, Matteo, Mattia, Maurizio, Maxellendis, Michele arcangelo,
            Paolo apostolo, Placido, Policarpo, Prisca, Tommaso Becket, Valentino, Venanzio, Vincenzo
di Saragozza
    - due spade: Federico di Utrecht 
    - spada di fuoco: Elia profeta, Michele  
    - spada e mantello: Martino di Tours
    - spada nel petto:
Angelo di Gerusalemme (o di Sicilia), Policarpo
    - spada o lancia:
Michele Arcangelo
(vedi anche ascia, coltello e sciabola)

spazzolino aspersorio e secchiello:
Marta

specchio: Maria Maddalena 

spiedo: Quintino

spighe di grano:
Daniele, Fara 

spine: Aventino di Troyes, Gerlaco di Valkenburg, Saba il Goto 
    - che si rotolano tra le spine: Benedetto, Girolamo
    - trascinato tra le spine: Marco
(vedi anche corona di spine e cespuglio)


squadra: Giacomo il Giusto, Giuda, Giuseppe, Matteo, Tommaso

stalla con animali: Marcello papa

stampella: Antonio Abate, Bardone, Lamberto di Maastricht

statua della Madonna:
Giacinto (Jacko) Odrovaz

stella:
Bruno, Domenico di Guzman, Giovanni Nepomuceno, Nicola da Tolentino, Mederico, Tommaso d'Aquino
    - stella cometa:
re Magi
    - in fronte:
Domenico di Guzman
    - sul petto: Nicola da Tolentino
    - sette stelle: Bruno, Ugo di Grenoble 

stendardo (o bandiera): Ferdinando III, Fiorenzo, Giacomo il Maggiore, Giorgio, Giovanna d'Arco, Giovanni da Capestrano,
                                         Ignazio di Loyola, Ladislao d'Ungheria, Leonardo da Porto Maurizio, Luigi, Maurizio, Procolo,
                                         Raimondo di Fitero, Orsola, Reparata, Vittorio  

stigmate: Brigida di Svezia, Caterina da Siena, Caterina de' Ricci,  Francesco d'Assisi, Maria Maddalena de' Pazzi,
                 Pietro d'Alcantara, Veronica Giuliani 

stoffe: Omobono

striscione (o banderuola)

    - "Ave Maria, gratia plena": Gabriele
    - "Dei genitrix": Pucheria
    - "Deus meus omnia": Francesco d'Assisi
    - "Ecce Agnus Dei": Giovanni Battista  
    - "Misericordias Domini in aeternum cantabo": Teresa d'Avila
    - "O bonitas": Bruno
    - "Ora pro nobis, Deum": Gregorio Magno
(vedi anche motto)

strumenti
    - agricoli: Pasquale Baylon
   
- da calzolaio: Aquila (e Priscilla), Crispino e Crispiniano
    - da falegname: Giuseppe
    - da maniscalco: Eligio
    - da muratore: Sansone prete 
    - da orafo: Eligio
    - da scultore: Quattro Coronati 
    - della Passione: Beatrice di Ornacieu, Bernardo, Giovanni della Coce, Giovanni di Dio, Maria Maddalena de' Pazzi
    - medici: Cosma e Damiano, Luca Evangelista, Pantaleone, Prassede di Roma, Raffaele Arcangelo 
    - musicali: Cecilia


struzzo: Barbara
 
sudario di Cristo: Veronica   



  T  

tartaruga: Bruno, Kateri Tekakwitha

tavole della Legge: Mosé  


tegola (che lo colpisce al capo): Eusebio di Samosata

tenaglie:
Agata, Apollonia, Baldomero, Dunstano, Eligio vescovo di Noyon, Leodegario di Autun, Livino (Lebuino), Martina, Pelagia 

terremoto: Cesario di Nazianzo (o Cesario Medico), Emidio, Mamerto 

teschio:
Andrea Bobola, Antonio, Benedetto, beato Bernardo da Offida, Bruno,
Camillo de Lellis, Fedele da Sigmaringen,
               Francesco Borgia, Francesco d'Assisi, Gaetano da Thiene, Gerardo Maiella, Gerolamo, Macario d'Alesssandria,
               Margherita da Cortona, Maria Egiziaca, Maria Maddalena, Odilone di Cluny, Pacomio, Paolo Eremita, Pietro da Verona,
               
Rosalia, Tommaso Becket

testa
    - cranio sfondato:
Fedele da Sigmarigen
    - divisa in due (parte superiore del cranio in mano):
Piato (o Piatone) da Tournai
    - in mano:
Dionigi, Albano d'Inghilterra
    - insanguinata: Pietro da Verona
    - su un vassoio: Giovanni Battista
(vedi anche teschio)

tiara: Cirillo e Metodio, Cleto (o Anacleto) papa, Francesco da Paola, Leone Magno, Spiridione, Vittore I papa
         (e in generale tutti i vescovi)

tinozza: Vincenzo di Saragozza
(vedi anche barile e vigna)

tomba: vedi bara

 topi:  Aldetrude, Gertrude di Nivelles, Gontranno, Martino de Porres 

toro:
Blandina (di Lione), Marciana di Cesarea, Pietro Regalado da Vallidolid, Silvestro

torcia:
Anatolia, Teodoro di Amasea 
    - o candela accesa:
Agata

torre: Barbara, Cristina, Ranieri di Pisa, 
    - tre torri sul dirupo: Marino

tre
    - angeli su un albero:
Abramo 
    - corone:
Angelo di Gerusalemme (o di Sicilia)
    - fanciulle in una tinozza: Nicola di Bari 
    - finestre in una torre:  Barbara
    - mitrie: Bernardino da Siena
    - ostie: Onorato di Amiens, Telesforo papa
    - palle d'oro: Nicola di Bari
    - pani: Maria Egiziaca
    - rami d'olivo: Bruno
    - sacchetti di monete: Nicola di Bari
    - torri sul dirupo: Marino 

tridente: Mama di Cesarea di Cappadocia

trigramma di Cristo IHS (o JHS): Bernardino da Siena, Brigida di Svezia, Ignazio di Loyola, Luigi Gonzaga, Pietro Canisio, Stefano,
                                                        Teresa d'Avila


triregno: vedi tiara

tromba: Gerolamo, Vincenzo Ferrer

turibolo (per incensare): Aronne, Gerardo Sagredo, Giovanna, Lorenzo, Roselina di Villeneuve, Zaccaria 



  U  

uccelli: Anna, Francesco d'Assisi, Pietro Canisio, Valerio   
    - uccellini sulle spalle:
Orso di Aosta


uncini da supplizio:
Caterina d'Alessandria, Eulalia, Feliciano, Martina

unicorno:
Firmino, Giustina, Iltrude (o Hiltrude) di Liessies, Narciso di Gerusalemme

uva (vigna, tinozza): Bonifacio, Grato di Aosta, Massimo di Nola, Mitrio (o Mitria), Morando, Teodulo di Sion, Vincenzo di Saragozza 




  V  
 
vanga:
Bertolfo di Renty, Biagio, Conone l'ortolano, Fiacrio, Isidoro l'Agricoltore, Mauro, Patrizio, Prassede di Roma   

vascello: Giona, Anselmo, Bertino, Castore, Constabile (o Costabile), Farone di Meaux, Fulgenzio di Ruspe, Giovanni d'Inghilterra,                    Giusto di Canterbury, Gunardo (o Goardo) di Nantes, Lazzaro, Macuto (o Maclovio) di Aleth, Nicola, Noé, Orsola, Vulfranno
 
vasi da farmacia e strumenti medici:
Cosma e Damiano,
Prassede di Roma, Raffaele 

vaso:
Abdia, Geremia, Giovanni Evangelista, Giuseppe d'Arimatea, Maria Maddalena, Monegonda, Nicodemo, Prassede
    - vaso di cristallo: Longino   
    - vaso farmaceutico: Raffaele arcangelo, Cosma e Damiano 

verga
    - fiorita:
Giuseppe
    - fascio di verghe: Benedetto    

Vergine Maria: vedi apparizione

vessillo
    - bianco con croce rossa:
Orsola
    - con giglio bianco: Alessandro

vigna (uva, tinozza): Bonifacio, Grato di Aosta, Massimo di Nola, Mitrio (o Mitria), Morando, Teodulo di Sion, Vincenzo di Saragozza 

violino: Genesio di Arles  

vipera: Pirmino   

volpe: Bonifacio, Oddone di Cluny

vomeri infuocati: Cunegonda

vulcano: Calogero eremita 
    - Etna:
Agata
    - Vesuvio: Felice di Nola, Gennaro 



  Z  

zappa: vedi vanga

zoccolo:
Vigilio (di Trento)

zucca (usata come borraccia, appesa al bordone): Giacomo il Maggiore, Rocco (e in generale i santi pellegrini)    




Se vuoi segnalarci un Santo o un attributo da aggiungere o correggere vai a questa pagina. Grazie.

Torna alla lettera: A  B  C  D  E  F  G  H  I  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  Z